5 ottobre, una rosa per Norma

SABATO 5 OTTOBRE 2019 IL COMITATO 10 FEBBRAIO RICORDERÀ IL SACRIFICIO DI NORMA COSSETTO IN CENTO CITTÀ.

FONDA (C10F) “UNA RAGAZZA CHE PAGÒ CON LA VITA IL SUO AMORE PER L’ITALIA”

FB_IMG_15669286714317475

Il Comitato 10 Febbraio organizza in cento città italiane il ricordo di Norma Cossetto, la giovane studentessa istriana che nel 1943 venne sequestrata, seviziata e gettata ancora viva in una foiba dai partigiani di Tito.

La manifestazione, dal titolo “Una Rosa per Norma Cossetto”, cui hanno già aderito cento città, sia in Italia che all’estero, si svolgerà nella giornata di sabato 5 ottobre 2019.

“Vogliamo ricordare il sacrificio di questa giovane studentessa – dichiara Edoardo Fonda, Presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio – una ragazza che rifiutò di tradire la sua gente e la sua Patria e, perciò, venne lungamente seviziata e violentata per poi essere barbaramente gettata in un foiba.

Sabato 5 ottobre, in oltre cento città, deporremo una rosa in ricordo di Norma e chiederemo ai Sindaci di intitolare una piazza o una scuola alla memoria di questa “Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio”.

Sarà una manifestazione semplice ma di grande valore morale – conclude Fonda – durante la quale racconteremo chi era Norma Cossetto, una ragazza che non ha esitato a donare la sua vita per l’Italia.”

È ancora possibile dare la propria adesione alla manifestazione, scrivendo una mail a:  unarosapernorma@gmail.com

Si conclude a Rieti il progetto europeo del Comitato 10 Febbraio

Partecipazione del Comitato 10 Febbraio all’incontro del progetto europeo “HE-ART: Heart of Europe – una rete di città che promuovono la cultura del cuore, la solidarietà e l’integrazione” che si è svolto a Rieti il 13 e 14 aprile 2019.

Il Comitato 10 Febbraio partecipa nell’ambito del programma europeo “l’Europa per i cittadini 2014-2020” al progetto “Heart For Europe”. Il partner coordinatore del progetto è Drustvo za Naravno Ucenje – Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). Gli altri partner sono: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integrazione per Alla (Svezia) , Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve (Albania), Comune di Larissa (Grecia), Comune di Peyia (Cipro), Comune di Medina del Campo (Spagna), Comune di Sandantic (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (Francia), Comune di Rieti (Italia), Hjelmsj’vik HVB Hem (Svezia).

Il sesto e ultimo workshop internazionale dei partner del progetto si è svolto a Rieti dal 13 al 14 aprile 2019. Nel corso dell’incontro è stato firmato un accordo di cooperazione della rete internazionale degli heart points europei HE-ART. Con questo patto, la rete ha manifestato  la sua intenzione di utilizzare e dare visibilità agli heart points di ogni città ritenendoli una buona pratica nel campo della cultura ed un esempio che crea turismo culturale ed è un punto di connessione e interconnessione sia a livello locale che nazionale ed europeo. Per l’Italia, l’heart point è nel palazzo comunale di Rieti

Gli intervenuti  hanno partecipato a un evento su flussi di immigrazione e rifugiati che ha visto come protagonisti gli alunni di una scuola locale e ad una serie di conferenze sui medesimi temi.  Hanno visitato i siti storici della città e sono stati informati sulla coltivazione e la produzione di prodotti tradizionali nella zona. Infine, hanno visitato i santuari francescani di Fonte Colombo e Greccio.

Il Comitato 10 Febbraio ha partecipato con il Presidente Edoardo Fonda e i seguenti Soci: Michele Pigliucci, Laura Fantera, Stefano Delia, Riccardo Raunich, Luigi Provini, Petra DiLaghi, Arrigo Bonifacio, Giulio Cesare Carnevale Bonino, Eleonora Paola Sacco, Francesca Giglio

Il Progetto HEART OF EUROPE-HE ART è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Europa per i Cittadini”

 

 

Comitato 10 Febbraio’s participation at the meeting of the European project “HE-ART: Heart of Europe – a network of cities that promote the culture of the heart, solidarity and integration” that took place in Rieti on 13 and 14 April 2019.

Comitato 10 Febbraio is part of the European ‘Europe for Citizens’ 2014-2020′ programme in the ‘Heart For Europe’ project. The coordinating partner of the project is Drustvo za Naravno Ucenje Z Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). The other partners are: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integration for Alla (Sweden), Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve Industriale (Albania), Municipality of Larissa (Greece), Municipality of Peyia (Cyprus), Municipality of Medina del Campo (Spain), Municipality of Sandanski (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (France), Municipality of Rieti (Italy), Hjelmsjövik HVB Hem (Sweden).

The sixth and final international workshop of the project partners took place in Rieti from 13 to 14 April 2019. A cooperation agreement was signed at the meeting by the international network of European heart points HE-ART. With this pact, the network has expressed its intention to use and give visibility to the heart points of each city considering them a good practice in the field of culture and an example that creates cultural tourism and is a point of connection and interconnection both to national and European level. For Italy, the heart point is in the municipal building of Rieti.

The participants took part in an event on immigration and refugee flows, which featured pupils from a local school and a series of conferences on the same issues.  They visited the city’s historic sites and were briefed on the cultivation and production of traditional products in the area. Finally, they visited the Franciscan shrines of Fonte Colombo and Greccio.

Comitato 10 Febbraio participated with the President Edoardo Fonda and the following Members: Michele Pigliucci, Laura Fantera, Stefano Delia, Riccardo Raunich, Luigi Provini, Petra DiLaghi, Arrigo Bonifacio , Giulio Cesare Carnevale Bonino, Eleonora Paola Sacco, Francesca Giglio

Rassegna stampa:

RIETI CUORE D’ITALIA, DIVENTA CUORE D’ EUROPA

Presentato il progetto “He Art of Europe”, Rieti città d’Europa

He-Art of Europe il 12,13,14 aprile delegazioni europee in visita a Rieti

 

PROJECT HEART OF EUROPE-HE ART is financed by the European Union under the EUROPE FOR CITIZENS programme

Il Progetto HEART OF EUROPE-HE ART è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Europa per i Cittadini”

Link to the project website http://heart-europe.com/about-project/

Anche la Svezia nell’itinerario del progetto europeo He-Art

Partecipazione del Comitato 10 Febbraio all’incontro del progetto europeo “HE-ART: Heart of Europe – una rete di città che promuovono la cultura del cuore, la solidarietà e l’integrazione” che si è svolto a Örkelljunga (Svezia) dal 5 al 7 marzo 2019.

Il Comitato 10 Febbraio partecipa nell’ambito del programma europeo “l’Europa per i cittadini 2014-2020” al progetto “Heart For Europe”. Il partner coordinatore del progetto è Drustvo za Naravno Ucenje – Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). Gli altri partner sono: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integrazione per Alla (Svezia) , Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve (Albania), Comune di Larissa (Grecia), Comune di Peyia (Cipro), Comune di Medina del Campo (Spagna), Comune di Sandantic (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (Francia), Comune di Rieti (Italia), Hjelmsj’vik HVB Hem (Svezia).

Il quinto workshop internazionale dei partner del progetto si è svolto ad Örkelljunga (Svezia) dal 5 al 7 marzo 2019 presso il Centro Culturale Ingeborg. Nel corso dell’incontro si sono tenute discussioni e molte altre attività. In particolare, i partecipanti hanno sviluppato congiuntamente uno spettacolo teatrale che è stato presentato al termine dell’incontro in un evento aperto.

Il Comitato 10 Febbraio ha partecipato con il Presidente Edoardo Fonda e i seguenti Soci: Nicole Matteoni e Arrigo Bonifacio

Il Progetto HEART OF EUROPE-HE ART è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Europa per i Cittadini”

 

Comitato 10 Febbraio’s participation at the meeting of the European project “HE-ART: Heart of Europe – a network of cities that promote the culture of the heart, solidarity and integration” that took place in Örkelljunga, Sweden, from 5 to 7 March 2019.

Comitato 10 Febbraio is part of the European ‘Europe for Citizens’ 2014-2020′ programme in the ‘Heart For Europe’ project. The coordinating partner of the project is Drustvo za Naravno Ucenje Z Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). The other partners are: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integration for Alla (Sweden), Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve Industriale (Albania), Municipality of Larissa (Greece), Municipality of Peyia (Cyprus), Municipality of Medina del Campo (Spain), Municipality of Sandanski (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (France), Municipality of Rieti (Italy), Hjelmsjövik HVB Hem (Sweden).

The 5th International Workshop of the project partners took place in Örkelljunga, Sweden, from 5 to 7 March 2019, at the Ingeborg Cultural Center. Discussions and many other activities were held during the meeting. In particular, the participants jointly developed a theatrical performance that was presented at the end of the meeting in an open event.

Comitato 10 Febbraio participated with the President Edoardo Fonda and the following Members: Nicole Matteoni and Arrigo Bonifacio

“PROJECT HEART OF EUROPE-HE ART is financed by the European Union under the EUROPE FOR CITIZENS programme

 

Link to the project website http://heart-europe.com/about-project/

Congresso nazionale del Comitato 10 Febbraio

Domenica 13 gennaio 2019 a Trieste “Italiani al di là dell’acqua” 

CongrCom10febb

Cari soci del Comitato 10 Febbraio,
sono passati sei anni da quando, nel giorno dell’anniversario del sacrificio di Piero Addobbati, assunsi a Trieste la presidenza di questa associazione.
Sei anni entusiasmanti durante i quali abbiamo costruito insieme una realtà unica, ramificata su tutto il territorio nazionale, con la quale abbiamo provato a lanciare una sfida: quella di superare la memorialistica, il reducismo, il vittimismo, non limitandoci a raccontare la storia del confine orientale durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale ma puntando soprattutto a ricostruire – con i mezzi della cultura, del dialogo e dell’arte – lo storico legame tra le due sponde dell’Adriatico: un legame che si fonda sul dialetto istro-veneto, su una storia comune che preesiste ai grandi drammi del Novecento e che a questi è sopravvissuta.
Il Comitato 10 Febbraio è oggi presente con una delegazione in tutte le regioni d’Italia, ma anche all’estero: soci del nostro sodalizio si contano a Capodistria, in Belgio, in Francia, in Spagna e persino negli Stati Uniti e in Messico. Centinaia di uomini e donne fieri della propria identità italiana che si spendono durante tutto l’anno per far sì che il Giorno del Ricordo diventi un giorno vivo nel quale celebrare anche la storia bimillenaria dei popoli istriano, giuliano, fiumano e dalmata e del grande contributo da essi apportato alla cultura italiana, europea, mondiale.
Questa è sempre stata la convinzione che ha guidato ogni mia scelta: che il nostro popolo meritasse più che un semplice necrologio annuale e che non potessimo rassegnarci a che la sua storia e la sua cultura fossero stati spazzati via dalle tragedie del Novecento. Per questo abbiamo dato un significato nuovo alla promessa di “tornare” in Istria, a Zara e a Fiume: non certo con le armi e le bandiere, ma con la pace sicura e ferma che solo la cultura contiene e che si realizza nel confronto costruttivo con quanti, per mille ragioni, sono rimasti in quelle terre e ancora parlano italiano, e con quanti non italiani abitano oggi la sponda orientale dell’Adriatico e guardano all’Europa come a un’occasione di rilancio di un dialogo tra culture che vede nell’Italia un interlocutore privilegiato.
Per raggiungere questo obiettivo abbiamo organizzato centinaia e centinaia di iniziative in tutta Italia non limitandoci alle celebrazioni, ma scegliendo di perseguire anche la strada dei progetti europei, che ci hanno permesso di dare sempre maggior forza e significato alla nostra idea di ricordo: un sentimento rivolto al passato che si fa azione nel presente. Il tutto senza alcun finanziamento pubblico, senza dipendenti, solo con la forza del volontariato e con la passione degli associati.
Di questo sforzo devo ringraziare quanti hanno creduto, con mille sfumature, alla possibilità di costruire una prospettiva nuova: impossibilitato a elencarli tutti, in loro rappresentanza ricordo i membri del Consiglio Esecutivo del Comitato 10 Febbraio, cioè Emanuele Merlino, Carla Cace, Lorenzo Salimbeni, Arrigo Bonifacio e Andrea Moi, grazie al cui impegno siamo riusciti a raccogliere il testimone degli esuli e di tutti coloro che ci hanno insegnato quanto è importante non dimenticare, perché il ricordo della storia nazionale è la chiave per restituire pace ai morti, futuro ai vivi, dignità a entrambi.
Dopo sei anni sento giunta l’ora di lasciare il testimone a qualcun altro, per ricordare innanzitutto a me stesso che non si deve mai cedere al rischio della personalizzazione dei ruoli: la mia soddisfazione più grande sarà vedere il Comitato sopravvivere e proseguire la propria necessaria opera.
Per questa ragione ho comunicato al Consiglio Esecutivo le mie dimissioni, e ho deciso di convocare il Congresso Nazionale per l’elezione del nuovo presidente per il prossimo 13 gennaio a Trieste.
La presente vale come convocazione. Le candidature per la carica di presidente potranno pervenire entro il 27 dicembre via mail all’indirizzo info@10febbraio.it, firmate da almeno 5 soci. Avranno diritto di elettorato attivo e passivo tutti i soci in regola con l’iscrizione 2018 alla data della presente convocazione.
Ringrazio quanti potranno essere presenti, ma soprattutto quanti resteranno presenti dal giorno successivo, fedeli al nostro impegno solenne: riannodare i fili strappati del tessuto culturale di una terra che tutti noi amiamo, e che merita finalmente pace e prosperità.
Grazie di tutto.
Michele Pigliucci
Presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio