Una mozione per intitolare una via a Norma Cossetto

Fac simile di mozione finalizzata a chiedere l’intitolazione di una via/piazza/giardino pubblico o locale istituzionale a Norma Cossetto. 

 ViaNormaCossetto

AL SINDACO DEL COMUNE DI _________________

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI______________

 

MOZIONE

INTITOLAZIONE DI UNA VIA/PIAZZA/GIARDINO O DI LOCALE ISTITUZIONALE A NORMA COSSETTO, MEDAGLIA D’ORO AL MERITO CIVILE.

 

Il consiglio comunale

OSSERVATA la legge 20 marzo 2004, n.92, riguardante l’Istituzione del <<Giorno del ricordo>>, nello specifico l’articolo 1 con il quale al comma 1 “la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale <<Giorno del ricordo>> al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”;

PREMESSO CHE sabato 5 ottobre 2019, in oltre 120 città italiane e straniere, si è svolta la manifestazione patriottica denominata “Una Rosa per Norma Cossetto”, organizzata dal Comitato 10 Febbraio, con la quale è stato ricordato il sacrificio della giovane studentessa istriana, sequestrata, violentata e gettata in una foiba dai partigiani comunisti slavi nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943, meritoria iniziativa che si è tenuta anche nella nostra città riscuotendo un buon risalto tra gli organi d’informazione e consenso della cittadinanza;

TENUTO CONTO CHE l’8 febbraio 2005 Norma Cossetto è stata insignita dal Presidente della Repubblica Italiana della Medaglia d’Oro al Merito Civile, con la seguente motivazione: «Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba. Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio.» — Villa Surani (Istria) – 5 Ottobre 1943;

VISTO CHE Norma Cossetto incarna il sacrificio di tantissime donne, che ancora oggi sono oggetto di violenza e discriminazione e sopraffazione e che nella nostra città non esiste un luogo intitolato alla memoria di questa giovane eroina, vittima dell’odio anti italiano che nel 1943-1945 sfociò nell’orrore delle foibe e nella vergogna dei campi di concentramento comunisti, dove trovarono la morte migliaia di nostri connazionali;

 

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

A intitolare un luogo della nostra città (via, piazza, giardino) o un’aula presso una scuola o ufficio pubblico alla Medaglia d’oro al Merito Civile, Norma Cossetto.

I consiglieri comunali proponenti

Nome, cognome e firma

120 città deporranno una rosa per Norma

“UNA ROSA PER NORMA COSSETTO”
SABATO IN 120 CITTÀ SARÀ RICORDATO IL SACRIFICIO DELLA STUDENTESSA ISTRIANA

Una rosa per Norma Cossetto” è il nome della manifestazione che si terrà sabato 5 ottobre 2019 in 120 città.
Ideata dal Comitato 10 Febbraio, nelle persone di Maurizio Federici e Silvano Olmi, l’iniziativa vuole ricordare il martirio della giovane studentessa istriana, sequestrata, orribilmente seviziata e gettata in una foiba dai partigiani comunisti slavi nel 1943.

RosaPerNorma
Gli iscritti al Comitato 10 Febbraio, sostenuti dalle amministrazioni comunali e dalle associazioni degli esuli e patriottiche, deporranno una rosa in un luogo simbolico di ciascuna città che sia un monumento agli infoibati o agli esuli, o nelle vie o piazze dedicate a Norma Cossetto o ai martiri delle foibe.
Durante la breve cerimonia sarà letto un documento che riassume la vita e il martirio che la giovane studentessa istriana dovette subire in nome della sua italianità. Al termine della cerimonia verrà chiesto, se non esistente, all’amministrazione comunale di intitolare una via, una piazza, un giardino o una scuola a Norma Cossetto.
“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato il presidente del Comitato 10 Febbraio Edoardo Fonda – oltre 120 città hanno aderito al progetto ideato dal Comitato 10 Febbraio. Ricordare Norma Cossetto significa commemorare una ragazza, medaglia d’oro al merito civile, che ha pagato con la vita il suo voler essere italiana. Una ragazza che, morendo, ci ha insegnato l’importanza della vita e l’orgoglio di credere in qualcosa di giusto”.
Alla manifestazione del Comitato 10 Febbraio hanno aderito: l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia; l’Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia; Lega Nazionale di Trieste; l’Associazione Italiani di Pola e dell’Istria – Libero Comune di Pola in Esilio; il Comitato Familiari delle Vittime Giuliane, Istriane, Fiumane e Dalmate; l’Associazione delle Comunità Istriane.
Testimonial d’eccezione è Ermenegildo Rossi, medaglia d’oro al merito civile per aver sventato un attentato terroristico e che venerdì sarà a Trieste e sabato si recherà sulla tomba di Norma Cossetto per deporre una rosa.
Norma Cossetto nasce il 17 maggio 1920 a Santa Domenica di Visinada (oggi Labinci) in Istria. Nel 1939 si iscrive alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Padova dove vive come studentessa fuorisede. È riconosciuta da tutti come ragazza sportiva, allegra e molto portata con le lingue – parla francese e tedesco – suona il pianoforte, gioca a basket e tira con l’arco. L’attaccamento all’Istria la porta a ottenere una tesi dal titolo “L’Istria rossa” che prende il titolo dal caratteristico colore rossastro che la bauxite dà alla terra istriana Dopo l’8 settembre del 1943 il padre di Norma, Giuseppe, divenne uno dei principali obiettivi dei partigiani che, non trovandolo, si accaniscono contro la sua famiglia. Norma viene condotta nella caserma di Visignano e, dopo il suo rifiuto di aderire al Movimento Popolare di Liberazione, è violentata e gettata viva nella foiba di Villa Surani nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943.
Nel 2005 viene insignita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi della Medaglia d’oro al merito civile.

 

Rosa1 Rosa2 Rosa3 Rosa4 Rosa5 Rosa6 Rosa7 Rosa8 Rosa9

5 ottobre, una rosa per Norma

SABATO 5 OTTOBRE 2019 IL COMITATO 10 FEBBRAIO RICORDERÀ IL SACRIFICIO DI NORMA COSSETTO IN CENTO CITTÀ.

FONDA (C10F) “UNA RAGAZZA CHE PAGÒ CON LA VITA IL SUO AMORE PER L’ITALIA”

FB_IMG_15669286714317475

Il Comitato 10 Febbraio organizza in cento città italiane il ricordo di Norma Cossetto, la giovane studentessa istriana che nel 1943 venne sequestrata, seviziata e gettata ancora viva in una foiba dai partigiani di Tito.

La manifestazione, dal titolo “Una Rosa per Norma Cossetto”, cui hanno già aderito cento città, sia in Italia che all’estero, si svolgerà nella giornata di sabato 5 ottobre 2019.

“Vogliamo ricordare il sacrificio di questa giovane studentessa – dichiara Edoardo Fonda, Presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio – una ragazza che rifiutò di tradire la sua gente e la sua Patria e, perciò, venne lungamente seviziata e violentata per poi essere barbaramente gettata in un foiba.

Sabato 5 ottobre, in oltre cento città, deporremo una rosa in ricordo di Norma e chiederemo ai Sindaci di intitolare una piazza o una scuola alla memoria di questa “Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio”.

Sarà una manifestazione semplice ma di grande valore morale – conclude Fonda – durante la quale racconteremo chi era Norma Cossetto, una ragazza che non ha esitato a donare la sua vita per l’Italia.”

È ancora possibile dare la propria adesione alla manifestazione, scrivendo una mail a:  unarosapernorma@gmail.com

Si conclude a Rieti il progetto europeo del Comitato 10 Febbraio

Partecipazione del Comitato 10 Febbraio all’incontro del progetto europeo “HE-ART: Heart of Europe – una rete di città che promuovono la cultura del cuore, la solidarietà e l’integrazione” che si è svolto a Rieti il 13 e 14 aprile 2019.

Il Comitato 10 Febbraio partecipa nell’ambito del programma europeo “l’Europa per i cittadini 2014-2020” al progetto “Heart For Europe”. Il partner coordinatore del progetto è Drustvo za Naravno Ucenje – Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). Gli altri partner sono: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integrazione per Alla (Svezia) , Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve (Albania), Comune di Larissa (Grecia), Comune di Peyia (Cipro), Comune di Medina del Campo (Spagna), Comune di Sandantic (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (Francia), Comune di Rieti (Italia), Hjelmsj’vik HVB Hem (Svezia).

Il sesto e ultimo workshop internazionale dei partner del progetto si è svolto a Rieti dal 13 al 14 aprile 2019. Nel corso dell’incontro è stato firmato un accordo di cooperazione della rete internazionale degli heart points europei HE-ART. Con questo patto, la rete ha manifestato  la sua intenzione di utilizzare e dare visibilità agli heart points di ogni città ritenendoli una buona pratica nel campo della cultura ed un esempio che crea turismo culturale ed è un punto di connessione e interconnessione sia a livello locale che nazionale ed europeo. Per l’Italia, l’heart point è nel palazzo comunale di Rieti

Gli intervenuti  hanno partecipato a un evento su flussi di immigrazione e rifugiati che ha visto come protagonisti gli alunni di una scuola locale e ad una serie di conferenze sui medesimi temi.  Hanno visitato i siti storici della città e sono stati informati sulla coltivazione e la produzione di prodotti tradizionali nella zona. Infine, hanno visitato i santuari francescani di Fonte Colombo e Greccio.

Il Comitato 10 Febbraio ha partecipato con il Presidente Edoardo Fonda e i seguenti Soci: Michele Pigliucci, Laura Fantera, Stefano Delia, Riccardo Raunich, Luigi Provini, Petra DiLaghi, Arrigo Bonifacio, Giulio Cesare Carnevale Bonino, Eleonora Paola Sacco, Francesca Giglio

Il Progetto HEART OF EUROPE-HE ART è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Europa per i Cittadini”

 

 

Comitato 10 Febbraio’s participation at the meeting of the European project “HE-ART: Heart of Europe – a network of cities that promote the culture of the heart, solidarity and integration” that took place in Rieti on 13 and 14 April 2019.

Comitato 10 Febbraio is part of the European ‘Europe for Citizens’ 2014-2020′ programme in the ‘Heart For Europe’ project. The coordinating partner of the project is Drustvo za Naravno Ucenje Z Dozivljanje Umetnosti In Narave G (Slovenia). The other partners are: Drustvo za podporo civilne druzbe (Slovenia), Integration for Alla (Sweden), Bashkia Lezhe (Albania), Shoqata Shqiptare e Ambjentalisteve Industriale (Albania), Municipality of Larissa (Greece), Municipality of Peyia (Cyprus), Municipality of Medina del Campo (Spain), Municipality of Sandanski (Bulgaria), Sdruzhenie Yuni Partners (Bulgaria), Mata-malam (France), Municipality of Rieti (Italy), Hjelmsjövik HVB Hem (Sweden).

The sixth and final international workshop of the project partners took place in Rieti from 13 to 14 April 2019. A cooperation agreement was signed at the meeting by the international network of European heart points HE-ART. With this pact, the network has expressed its intention to use and give visibility to the heart points of each city considering them a good practice in the field of culture and an example that creates cultural tourism and is a point of connection and interconnection both to national and European level. For Italy, the heart point is in the municipal building of Rieti.

The participants took part in an event on immigration and refugee flows, which featured pupils from a local school and a series of conferences on the same issues.  They visited the city’s historic sites and were briefed on the cultivation and production of traditional products in the area. Finally, they visited the Franciscan shrines of Fonte Colombo and Greccio.

Comitato 10 Febbraio participated with the President Edoardo Fonda and the following Members: Michele Pigliucci, Laura Fantera, Stefano Delia, Riccardo Raunich, Luigi Provini, Petra DiLaghi, Arrigo Bonifacio , Giulio Cesare Carnevale Bonino, Eleonora Paola Sacco, Francesca Giglio

Rassegna stampa:

RIETI CUORE D’ITALIA, DIVENTA CUORE D’ EUROPA

Presentato il progetto “He Art of Europe”, Rieti città d’Europa

He-Art of Europe il 12,13,14 aprile delegazioni europee in visita a Rieti

 

PROJECT HEART OF EUROPE-HE ART is financed by the European Union under the EUROPE FOR CITIZENS programme

Il Progetto HEART OF EUROPE-HE ART è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Europa per i Cittadini”

Link to the project website http://heart-europe.com/about-project/