Gli appuntamenti del Comitato 10 Febbraio

Concorso letterario “Il Giorno del Ricordo”

Il giorno del ricordo Terra dei Padri

L’ associazione culturale nazionale Terra dei Padri nella terza edizione del concorso nazionale di narrativa, con cadenza annuale, per l’ anno 2022 ha scelto come tema  Il giorno del ricordo.

Con la legge n.92 del 2004, il 10 febbraio, si celebra la giornata istituzionale che ricorda un’altra dolorosa pagina del nostro recente passato.

Un argomento difficile, quanto essenziale, per comprendere la storia ed il dramma consumato al confine nord orientale, carico di dolore umano e sofferenze indicibili, a danno degli italiani lì residenti, che devono essere condivisi da ciascuno di noi.

Per combattere ogni riduzionismo, negazionismo e giustificazionismo, è indispensabile procedere ad una vasta trattazione della tematica con serenità, senza strumentalizzazione alcuna, per un ristabilimento di verità e giustizia che sia a consolazione delle vittime e dei loro discendenti.

Con il patrocinio di:

Comune di Termoli

ENAC (Ente Nazionale Attività Culturali)

Comitato 10 Febbraio

ANVGD (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia)

Regolamento:
“Il giorno del ricordo”

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Il concorso è suddiviso in tre sezioni:

– Sezione Giovani : dai 13 ai 19 anni. A questa sezione si può partecipare con poesia e racconto. Possono partecipare anche classi scolastiche.
I lavori andranno inviati al seguente indirizzo g.terradeipadri2022@libero.it

– Sezione Poesia
I lavori andranno inviati al seguente indirizzo p.terradeipadri2022@libero.it

– Sezione Racconto : massimo di sette pagine in formato pdf carattere 12
I lavori andranno inviati al seguente indirizzo r.terradeipadri2022@libero.it

Per ogni sezione verranno premiati i primi tre classificati oltre alle menzioni di merito che saranno riconosciute.
Tutti gli elaborati scritti vanno inviati dal 10 febbraio al 31 marzo 2022 ( alle ore 24,00 le caselle postali si disattiveranno autonomamente ) in allegato ai dati anagrafici completi ( per i minorenni è necessario allegare liberatoria dei genitori ).
Il materiale inviato per il concorso non verrà restituito. Gli autori concedono all’associazione culturale no profit “ Terra dei Padri” il diritto di pubblicazione delle opere senza alcun compenso.
Al fine di garantire l’assoluto anonimato nei confronti della commissione giudicatrice in nessuna parte dell’opera dovrà essere indicato il nome del concorrente.

I dati personali richiesti assumono valore di riservatezza previsto dalla legge 31 dicembre 1996 n. 675 e pertanto non saranno divulgati o ceduti a terzi dall’associazione “Terra dei Padri” , la quale si impegna ad utilizzarli esclusivamente per le pratiche richieste a questo concorso.

La cerimonia di premiazione avrà luogo, in presenza, nel rispetto delle normative vigenti, il 09 settembre 2022 a Termoli.

per info: 346 3954746 / segr.terradeipadri@libero.it

locandina giorno del ricordo Terra dei Padri

Il fumetto Foiba Rossa nelle biblioteche della provincia di Alessandria

Claudio Bonante (Comitato 10 Febbraio): “Donate anche alle biblioteche dell’Istituto Parodi di Acqui Terme e a quelle dei Comuni di Casale Monferrato, Ovada e Alice Bel Colle copie del fumetto Foiba Rossa”

Grazie alla collaborazione tra il Comitato 10 Febbraio e l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia prosegue l’iniziativa della donazione del fumetto in provincia di Alessandria

 

 

Prosegue l’iniziativa congiunta rivolta alle biblioteche comunali e alle scuole superiori del Comitato 10 Febbraio e dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

“Si tratta della donazione della versione destinata agli studenti del fumetto “Foiba rossa. Norma Cossetto. Storia di un’italiana”, sceneggiato da Emanuele Merlino e disegnato da Beniamino Delvecchio, edito da Ferrogallico (Milano 2018) e quindi pubblicato nel 2019 in questa edizione dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia con l’inserimento di alcuni saggi introduttivi destinati ad un corretto inquadramento storico della tragica vicenda di Norma Cossetto” – sottolinea Claudio Bonante, Segretario provinciale per Alessandria del Comitato 10 Febbraio – “Norma Cossetto, studentessa di 23 anni, fu torturata, violentata, infoibata nelle giornate nell’autunno del 1943 da partigiani comunisti titini: è divenuta il simbolo delle sofferenze che hanno dovuto patire i nostri connazionali in quelle terre”

Foiba_Rossa_per_Comuni_e_Istituti_Scolastici

Le indescrivibili violenze anti-italiane in Istria, che culminarono in due fiammate tremende fatte di deportazioni, uccisioni sommarie, sevizie, annegamenti, infoibamenti – la prima, nei mesi successivi all’armistizio dell’8 settembre 1943 e la seconda, con la fine della guerra nel 1945 – costarono la vita a oltre 10.000 italiani.

“Una storia di frontiera, di confine, di un estremo angolo d’Italia che per anni, per decenni è stata colpevolmente ignorata, poi minimizzata e che ora alcuni ambienti cercano di giustificare ignorando cosa accadde in quelle terre dalla metà dell’ottocento in avanti e le reali dinamiche della difficile convivenza delle popolazioni delle diverse componenti slave. Una storia che, oggi, diventa un fumetto, il cui scopo è quello di far conoscere questa pagina di storia alle generazioni più giovani” sottolinea il Segretario Provinciale del Comitato 10 Febbraio.

L’iniziativa della consegna del fumetto a biblioteche comunali e Istituti Scolastici Superiori, iniziata con l’adesione dei Comuni di Bistagno e Cassine, è proseguita con i Comuni di Casale Monferrato, Ovada e Alice Bel Colle, oltre all’Istituto Parodi di Acqui Terme.

“Non posso che esprimere un sincero ringraziamento alle Amministrazioni Comunali e all’Istituto Parodi che hanno aderito alla nostra iniziativa” – conclude Claudio Bonante – “Un ringraziamento particolare riteniamo doveroso rivolgerlo al Sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi, che ha aderito immediatamente con entusiasmo e ci ha onorato della sua adesione ufficiale al Comitato 10 Febbraio. Ad Ovada la donazione del fumetto al Sindaco Paolo Lantero, che ringraziamo per la disponibilità, è stata poi effettuata dal nostro referente locale Carmelo Presenti. Ad Alice Bel Colle un ringraziamento al Consigliere Claudio Roffredo che si è fatto portavoce della nostra iniziativa e al Sindaco Gianfranco Martino per averci accolto in Comune. Infine un doveroso ringraziamento anche alla Dirigente Scolastica dell’Istituto Superiore Parodi Dott.ssa Silvia Miraglia e alla VicePreside Dott.ssa Patrizia Piana per la grande cortesia e disponibilità dimostrate. In quest’ultima occasione alla donazione del fumetto era presente anche il neo referente di Acqui Terme del Comitato 10 Febbraio, Angelo Toscano”

Iniziativa che proseguirà ancora, tenuto conto che la consegna del fumetto è già stata programmata nelle prossime settimane in altri Comuni e Istituti Superiori. I Comuni possono inoltre segnalare il proprio interesse ad avere una o più copie in omaggio (a seconda della popolazione del Comune) alla mail comitato10febbraio.proval@gmail.com. Possibilità di richiesta che è aperta anche agli Istituti Superiori, fino ad esaurimento delle scorte disponibili.

alicebelcolle_roffredo_bonante_sindacomartino 

Alice Bel Colle

casale_bonante_sindacoriboldi

Casale Monferrato

Ricordiamo che il Comitato 10 Febbraio, sorto successivamente alla promulgazione della Legge 92 del 30 marzo 2004 istitutiva del Giorno del Ricordo, raccoglie soprattutto cittadini italiani che, pur senza avere un legame diretto o famigliare con le tragedie delle Foibe e dell’Esodo giuliano-dalmata, si accostano con particolare sensibilità a queste pagine di storia patria.

Il 10 febbraio è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l’Istria e la maggior parte della Venezia Giulia.

Il sito internet è consultabile all’indirizzo http://www.10febbraio.it ed è stata anche allestita la pagina Facebook “Comitato 10 Febbraio – Provincia di Alessandria”. E’ inoltre attiva la mail comitato10febbraio.proval@gmail.com, a cui è possibile chiedere informazioni e modalità di iscrizione.

 

Un riconoscimento a Piero Tarticchio dal Comitato 10 Febbraio

Pietro Tarticchio

Segrate (Milano) – Il Comitato 10 Febbraio e il Comune di Segrate consegneranno un riconoscimento a Pietro Tarticchio.

Domani, sabato 4 dicembre 2021, alle ore 17, la cerimonia nella sala del Centro Civico Giuseppe Verdi, via XXV aprile 41.

Merlino (Presidente C10F) “Un riconoscimento a una persona di grande spessore morale e culturale.”

Il Comitato 10 Febbraio e il Comune di Segrate (MI), consegneranno domani, sabato 4 dicembre 2021, un riconoscimento all’esule istriano Pietro Tarticchio. La cerimonia si terrà nella sala del Centro Civico Giuseppe Verdi, in via XXV Aprile numero 41, alla presenza del Sindaco Paolo Giovanni Micheli e del presidente del Comitato 10 Febbraio Emanuele Merlino.

Recentemente, il Comune di Milano non ha concesso a Tarticchio l’Ambrogino d’Oro, benché l’esule istriano fosse stato proposto e avesse i requisiti per ricevere la benemerenza civica che ogni anno va a premiare i cittadini e le associazioni che hanno saputo dare un contributo speciale alla città.

“Non concedendo la benemerenza a Tarticchio– dichiara Merlino, presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio – l’amministrazione Sala ha perso una grande occasione per premiare una persona di grandissimo spessore morale e culturale. Un testimone del dramma delle foibe, sette furono i suoi parenti uccisi, e dell’esodo forzato di centinaia di migliaia di italiani. Ha disegnato il monumento ai martiri delle foibe, inaugurato a Milano dallo stesso Sindaco Sala.

Il riconoscimento che consegneremo a Pietro Tarticchio – conclude Merlino – è un attestato alla persona, all’esule, al Patriota.”

Pietro Tarticchio – Nato a Gallesano, in Istria vicino a Pola, è stato costretto a fuggire dalla sua terra d’origine, a seguito del terrore sparso dai partigiani comunisti del maresciallo jugoslavo Tito, che uccisero e gettarono nelle foibe ben sette suoi parenti, tra i quali il padre e il giovane sacerdote don Angelo Tarticchio. Giunto a Milano è diventato artista grafico, giornalista pubblicista, scrittore componendo diversi libri per preservare la memoria sul tema dell’esodo istriano e delle foibe. Suo è il disegno della stele installata nell’ottobre scorso a Milano in piazza della Repubblica, già piazza Fiume.

“Ogni tanto nei miei sogni ritornano le immagini di reticolati di filo di ferro spinato – ha ricordato in quell’occasione Pietro Tarticchio – quelli che io e mia madre attraversammo di notte nel giugno del 1945, mentre infuriava un temporale. Fuggivamo dal terrore di essere infoibati dei partigiani di Tito come era stato infoibato mio padre.”

Comitato 10 Febbraio 

C10F Segrate

 

A Correzzola, Padova e Cerea tre convegni per parlare di Norma Cossetto

Foto Norma Cossetto

Il Comitato 10 Febbraio organizza tre convegni in Veneto per parlare di Norma Cossetto, foibe, esodo dal confine orientale d’Italia e delle vicende dimenticate del Novecento.

Il primo appuntamento, dal titolo “Foibe e drammi del secolo scorso, verità negate oltre il tempo e l’oblio”, è previsto per martedì 23 novembre 2021, alle ore 21, nella Corte Benedettina, in viale Melzi a Correzzola (PD). Interverranno Mauro Fecchio, sindaco di Correzzola; Adriana Ivanov Danieli, consigliere dell’associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia; Silvano Olmi, giornalista, vice presidente dell’associazione nazionale Vittime delle Marocchinate e dirigente nazionale del Comitato 10 Febbraio.

“Sarà l’occasione per riflettere sui drammi del Novecento – dice Edoardo Battisti, l’organizzatore dell’appuntamento culturale – come la tragedia delle foibe e l’esodo dal confine orientale d’Italia, o le violenze contro la popolazione civile italiana perpetrate dalle truppe coloniali francesi. Sono vicende che sono state tenute nascoste per tanto, troppo tempo.”

correzzola

L’altro appuntamento si svolgerà mercoledì 24 novembre 2021, alle ore 19, nella sala Verde del Caffè Pedrocchi a Padova. Al dibattito, moderato da Luigi Sabatino del Comitato 10 Febbraio, oltre al giornalista Silvano Olmi parteciperanno il professor Sandro Gherro, la professoressa Lisa Bregatin e Gabriele Zanon. Sarà presentato il libro “Norma Cossetto, Rosa d’Italia”, edito da Eclettica Edizioni e realizzato dal Comitato 10 Febbraio.

“Norma Cossetto è il simbolo delle donne vittime di violenza – dichiara Luigi Sabatino – una ragazza che venne sequestrata, torturata, violentata e gettata in una foiba dai partigiano comunisti slavi nel 1943. La presentazione del libro sarà l’occasione per una profonda riflessione su questa vicenda, non a caso in prossimità della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.”

padova

Il Comitato 10 Febbraio e l’Associazione Culturale Cerrus-Etum organizzano un convegno per parlare di Norma Cossetto, foibe, esodo dal confine orientale d’Italia e delle vicende dimenticate del Novecento.

L’appuntamento, dal titolo “Foibe e drammi del secolo scorso, verità negate oltre il tempo e l’oblio”, è previsto per giovedì 25 Novembre 2021, alle ore 21, nella sala del consiglio comunale, in viale della Vittoria 20, a Cerea (VR).

Interverranno Matteo Zago, consigliere comunale di Cerea; Zuliani Massimiliano, consigliere comunale di Sanguinetto ; Silvano Olmi, giornalista, vice presidente dell’associazione nazionale Vittime delle marocchinate e dirigente nazionale del Comitato 10 Febbraio.

Cerea

Comitato 10 Febbraio

 

In 170 città sboccia Una Rosa per Norma

C10F Una Rosa per Norma 2021 in 170 città

Per il terzo anno consecutivo, il Comitato 10 Febbraio organizza la manifestazione nazionale “Una Rosa per Norma Cossetto” per commemorare l’eroina istriana. 
Il Comitato 10 Febbraio ricorda il sacrificio di Norma Cossetto, la giovane istriana sequestrata, torturata, violentata e gettata in una foiba dai partigiani comunisti slavi e assurta a simbolo della tragedia delle foibe grazie alla Medaglia d’Oro al Merito Civile, concessale nel 2005 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Domani, Sabato 2 ottobre 2021, inizieranno le cerimonie della manifestazione nazionale “Una Rosa per Norma Cossetto”, giunta alla terza edizione e che si protrarrà fino a domenica 10 ottobre.
“In 170 città italiane ed estere – dice il presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio, Emanuele Merlino – sarà ricordata la figura di Norma Cossetto, la giovane studentessa istriana sequestrata, torturata, violentata e infine gettata in una foiba la notte tra il 4 e 5 ottobre 1943 dai partigiani comunisti di Tito.
“Norma è un’eroina italiana – dichiara Emanuele Merlino – una donna che ha affrontato il martirio pur di non tradire il proprio amore per la nostra Nazione.
Sono orgoglioso di constatare che “Una Rosa per Norma Cossetto” sia diventata un’iniziativa straordinariamente partecipata, da nord a su dell’Italia e anche all’estero. Infatti, si terranno manifestazioni a Dublino, Belfast, Santa Cruz di Tenerife, Washington e New York – conclude Merlino – a testimonianza che Norma Cossetto è conosciuta e ricordata ovunque per la sua tragica vicenda, ma anche per quello che rappresenta e che, come tutti i crimini, va ricordato per evitare che accada nuovamente.”

 

177 città in cui si svolgeranno eventi nell’ambito di UNA ROSA PER NORMA