Nazario Sauro, irredentista per la libertà dei popoli

Sauro_Rimembranza

Articolo pubblicato su Il Giornale d’Italia

Come ogni anno, a Trieste il 10 agosto è stata commemorata la morte del patriota istriano

 

Dal 1966 un’imponente statua raffigurante Nazario Sauro domina il lungomare di Trieste, proprio davanti alla Stazione Marittima, e da quell’anno il Comitato Onoranze a Nazario Sauro organizza appunto una serie di eventi in memoria dell’irredentista nato a Capodistria il 20 settembre 1880 e morto a Pola sul capestro asburgico il 10 agosto 1916 dopo essere stato fatto prigioniero durante l’ennesima incursione compiuta per la Marina italiana contro le coste dell’Impero austro-ungarico nel corso della Grande guerra.

 

Sauro_Alzabandiera

 

Le cerimonie del 10 agosto scorso si sono aperte con l’alzabandiera presso tale monumento, alla presenza degli Assessori comunali Angela Brandi e Michele Lobianco, nonché della Presidente della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, la quale ha dichiarato che «è  importante celebrare la figura di Nazario Sauro, sia come uomo, per il coraggio con il quale ha sempre difeso gli ideali nei quali credeva indossando la divisa della Regia Marina del Regno d’Italia, sia come eroe del mare e figlio dell’Istria. Quella di Nazario Sauro è una figura attuale perché ci ricorda quanto costò Trieste italiana e quanto è importante oggi la tutela dei valori europei di pace e convivenza»

È stata poco dopo apposta una corona alla lapide che nel Parco della Rimembranza cittadino ricorda il Tenente di Vascello Sauro, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria, mentre nel tardo pomeriggio una Messa culminata con la Preghiera del Marinaio ha preceduto un breve corteo che ha raggiunto l’area dedicata al patriota capodistriano e nel cui antistante spiazzo marino sono giunte le imbarcazioni delle associazioni veliche e canottieri Saturnia, Pullino e Circolo Nazario Sauro.

 

Sauro_Rimembranza

 

Il Sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, ha citato una lettera che Sauro aveva disposto di consegnare alla moglie in caso di morte in battaglia, esortandola ad insegnare «ai nostri figli che il loro padre fu prima italiano, poi padre e poi uomo». Un applauso ha sottolineato il passaggio del discorso in cui è stato ricordato Manuele Braico, Presidente dell’Associazione delle Comunità Istriane recentemente venuto a mancare e che è stato un simbolo del patriottismo che anima l’associazionismo degli esuli giuliani, fiumani e dalmati « In Italia ci sono – ha inoltre affermato Dipiazza – centinaia di vie, di piazze, di scuole intitolate a questo nostro irredentista istriano, simbolo di un patriottismo che ci insegna che dobbiamo amare il nostro paese, esserne orgogliosi, difenderne i valori e la cultura, perché l’Italia è la nostra madre. Trieste oggi commemora un eroe per nulla dimenticato, uno dei figli migliori di queste nostre terre martoriate dalla storia e saluta Nazario Sauro»

È intervenuto anche il Sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, il quale ha ricordato che il capoluogo isontino è profondamente legato all’Istria che dette i natali a Sauro, poiché il 20% dei suoi abitanti sono esuli di prima, seconda o terza generazione: «Mi piace pensare – ha affermato Ziberna – che Sauro in questo momento ci vede e sorride, perché parliamo di Patria. È un concetto che vogliamo esprimere forte e chiaro alle nuove generazioni, a differenza di certe altre istituzioni che non vogliono parlarne in nome di un finto buonismo»

Le conclusioni sono state affidate a Renzo Codarin, figura di spicco dell’associazionismo della diaspora adriatica e Presidente del Comitato Onoranze: «Quest’anno è il settantesimo dell’esodo da Pola – ha ricordato Codarin – e in quell’occasione venne riesumata la salma di Nazario Sauro, che partì a bordo del “Toscana” assieme agli altri esuli istriani e fu portata a Venezia, dove riposa al Lido»

 

Sauro_Dipiazza

 

Profondo è quindi il legame dei 350.000 esuli e dei loro discendenti con questa figura di patriota: l’Istria da cui proveniva ha sempre costituito il retroterra naturale di Trieste, sicché celebrare il martire irredentista capodistriano nel capoluogo giuliano significa riallacciare quest’antico legame. Trieste è diventata poi la capitale morale degli esuli, perciò ricorda ancor oggi sommessamente una figura che ha rappresentato nella complessa vicenda del confine orientale l’anelito di italianità che nel corso dei secoli si era consolidato in Istria, Carnaro e Dalmazia.

101 anni fa la morte di Nazario Sauro sul capestro di Pola suggellò il sacrificio di tanti giovani irredentisti giuliani, trentini e dalmati, che contribuirono a cementare nelle asperità della Prima Guerra Mondiale la consapevolezza di essere italiani senza distinzioni, da un estremo all’altro dello Stivale.

Lorenzo Salimbeni

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.