Notizie confuse sui giornali quando si parla di Foibe

articolo_LaStampa


Claudio Bonante (Comitato 10 Febbraio Alessandria): “La Stampa giustifica le foibe?”

 

articolo_LaStampa

 

Ha destato stupore tra i componenti del Comitato 10 Febbraio la lettura di quanto scritto in un articolo pubblicato su “La Stampa” del 4 giugno, nelle pagine provinciali di Alessandria.

L’articolo, che parlava della cerimonia per il ritrovamento della piastrina di un giovane finanziere di Gavi ucciso dai partigiani titini insieme a 96 colleghi nel maggio del 1945, andava quasi a giustificare quel massacro, in quanto nelle foibe “… già i fascisti italiani, soltanto pochi anni prima, avevano gettato molte persone di etnia slava”. Un ragionamento pericoloso quello di cercare di giustificare eccidi con fatti accaduti in precedenza, sia perché la nazionalizzazione fascista degli “alloglotti” non si attuò tramite stragi nelle foibe, sia perché andando ulteriormente a ritroso bisogna ricordare la politica austro-ungarica del divide et impera che fomentò le comunità slave contro gli italiani di quelle terre.

«La pulizia etnica operata da Tito ancora oggi ci lascia attoniti: moralità e umanità sono le prime vittime delle foibe. I ricordi che emergono dalle profondità della terra ci ricordano quanto terrificante e profondo sia l’abisso che l’umanità ha saputo raggiungere – commenta Claudio Bonante, responsabile provinciale di Alessandria del Comitato 10 Febbraio – Come Comitato 10 Febbraio ci recheremo a rendere omaggio all’ossario dedicato a Luigi Traverso nel cimitero di Gavi: diremo una preghiera per questo ragazzo, ucciso a soli 18 anni per la colpa di essere italiano»

A cura del Comitato 10 Febbraio di Alessandria 

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.