13 Febbraio: presentazione a Trieste

Sabato 13 febbraio a Trieste, presso l’Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata in Via Torino n°8

Presentazione del volume fotografico MAGAZZINO 18. LE FOTO
A cura di Jan Bernas e Carla Isabella Elena Cace. Edito da Fergen.
Interviene il Presidente Nazionale del Comitato 10 Febbraio Michele Pigliucci.
Collegamento video con Simone Cristicchi.

 

tmp_7791-Definitivo libro-2060265191

Magazzino 18. Le foto

“Magazzino 18. Le foto” è il titolo del volume
fotografico a cura di Jan Bernas (fotografo) e Carla Isabella Elena CacePresentazione Magazzino 18
(autrice di interviste e testi storici), edito da Fergen e con l’esclusiva
prefazione di Simone Cristicchi, che sarà presentato a Roma questa mattina,
nella sede della Società Dante Alighieri, in occasione delle celebrazioni
del
Giorno del Ricordo. Alla presentazione del volume, che diventerà anche una
mostra itinerante sull’esodo istriano dalmata, parteciperanno, oltre agli
autori: Alessandro Masi, segretario generale Società Dante Alighieri;
Federico
Gennaccari, giornalista e editore e Michele Pigliucci, presidente del
Comitato
10 Febbraio. “Foto. Libri. Quaderni, penne e compiti. Martelli, chiodi,
seghe.
Attrezzi da lavoro. Carte da gioco, bottoni, reti da pescatore” – spiega Jan
Bernas nella prefazione – “sono immagini rubate al silenzio e alla penombra
a
cui sono state condannate da decenni le testimonianze di quel che era e non
sarà più”. “Ho avuto la fortuna di visitare il Magazzino 18 del Porto
Vecchio
di Trieste lo scorso maggio. Così ho capito. Ho sentito l’odore – racconta
Carla Isabella Elena Cace –  e visto i colori del tempo sospeso”, “il mio
sangue è lo stesso di chi ha patito l’orrore dell’Esodo”.

Magazzino 18 riaperto al pubblico

imageÈ stata un’iniziativa di grande successo l’anno scorso, complice anche l’analogo exploit della commedia omonima a teatro. Quasi obbligatorio, dunque, ripeterla.

Il Magazzino 18 riaprirà anche quest’anno le sue porte ai visitatori. L’iniziativa è partita dall’Irci, Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata, anche stavolta in occasione della ricorrenza del 10 febbraio, “Giorno del Ricordo in memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra …”.

Il Magazzino 18, quasi superfluo ricordarlo, è il luogo che funge da decenni da deposito alle masserizie degli esuli, in Porto vecchio. Mobili e ricordi ormai dimenticati ma di grande valore simbolico e storico.

Una realtà che, trasformata da Simone Cristicchi in uno spettacolo, ha avuto ormai riconoscimenti a livello mondiale. Fungendo anche da effetto-traino e stimolando la curiosità di migliaia di italiani, ma anche di triestini, che quelle vicende le conoscevano solo per sentito dire o le ignoravano proprio.

(fonte: Il Piccolo)